Schizofrenia

schizofrenia
schizofrenia2
schizofrenia3

SCHIZOFRENIA E ALTRI DISTURBI PSICOTICI..COSA SONO?

Sono disturbi dove compaiono deliri, allucinazioni, pensiero e comportamento disorganizzato, sintomi negativi.
DELIRI: Sono convinzioni rigide e fortemente sostenute dalla persona che non si modificano neanche davanti all’evidenza che sostiene il contrario d.persecuzione, di riferimento, di grandezza, erotomanici, nichilistici, somatici
ALLUCINAZIONI: esperienze simil-percettive che si verificano senza la causa di uno stimolo esterne. Vivide e chiare  impatto uguale a che lo stimolo ci fosse per davvero.
PENSIERO DISORGANIZZATO (Eloquio): La persona passare da un argomento all’altro producendo un eloquio disorganizzato
COMPORTAMENTO DISORGANIZZATO: Comportamento motorio grossolanamente disorganizzato e anormale.
SINTOMI NEGATIVI: Diminuzione dell’espressione delle emozioni, Abulia.

SCHIZOFRENIA
Criteri Diagnostici

A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno uno di questi sintomi deve essere: Deliri, Allucinazioni, Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza), Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico, Sintomi Negativi (diminuzione dell’espressione o delle emozioni, o abulia).

B. Per una significativa parte di tempo dall’esordio del disturbo, il livello di funzionamento in una o più delle aree principali, come il lavoro, le relazioni interpersonali, o la cura di sé è marcatamente al di sotto del livello raggiunto prima dell’esordio.

C. Segni continuativi del disturbo persistono per almeno 6 mesi. Questo periodo di 6 mesi deve comprendere almeno 1 mese di sintomi che soddisfano il criterio A, e può comprendere periodi di sintomi prodromici o residui. Durante questi periodi prodromici o residui, i segni del disturbo possono essere evidenziati soltanto da sintomi negativi oppure da due o più sintomi elencati nel criterio A in forma attenuata (es. convinzioni stravaganti, esperienze percettive inusuali).

D. Il disturbo schizoaffettivo e il disturbo depressivo o bipolare con caratteristiche psicotiche sono stati esclusi perché: 1. non si sono verificati episodi depressivi maggiori o maniacali in concomitanza della fase attiva dei sintomi, oppure; 2. se si sono verificati episodi di alterazione dell’umore durante la fae attiva, essi si
sono manifestati per una parte minoritaria della durata totale dei periodi attivi e residui della malattia.

E. Il disturbo non è attribuibile agli effetti fisiologici di una sostanza o a un’altra condizione medica.

F. Se c’è una storia di disturbo dello spettro autistico o di disturbo della comunicazione a esordio infantile, la diagnosi aggiuntiva di schizofrenia viene post soltanto se sono presenti per almeno 1 mese allucinazioni o deliri preminenti, in aggiunta agli altri sintomi richiesti della schizofrenia.