Disturbo Acuto da Stress

trauma2
adolescenza4
2291626

DISTURBO ACUTO DA STRESS…COS’E’?

Come il Disturbo Post – traumatico da Stress, anche il Disturbo Acuto da Stress si manifesta in seguito all’esposizione diretta o indiretta della persona ad un evento stressante o traumatico che implica la morte o la minaccia di essa, lesioni gravi o violenza sessuale. Per fare diagnosi di Disturbo Acuto da Stress si deve riscontrare la presenza di almeno nove sintomi in una qualunque delle seguenti categorie:

  • intrusione (ricordi angoscianti ricorrenti e intrusivi o sogni dell’evento, reazioni dissociative, disagio prolungato),
  • stato d’animo negativo (e incapacità i provare emozioni positive),
  • dissociazione (alterazioni della realtà, dell’altro, di sé e amnesia dissociativa),
  • evitamento (di ricordi, pensieri e sentimenti associati all’evento e degli stimoli esterni capaci di suscitarli)
  • attivazione (irritabilità e scoppi di ira, esagerate risposte di allarme e ipervigilanza, comportamenti autodistruttivi, difficoltà nella concentrazione e nel sonno), aventi inizio successivamente all’evento traumatico.

Anche il Disturbo Acuto da Stress causa un forte disagio e una compromissione rilevante del funzionamento sociale, lavorativo e altre aree fondamentali per l’individuo e la sintomatologia non deve essere riconducibile agli effetti di una sostanza o ad una condizione medica.

Si differenzia dal Disturbo Post – traumatico da Stress per la durata dei sintomi che va da tre giorni ad un mese dopo l’esposizione al trauma. Frequentemente, in seguito al trauma, la reazione dell’individuo ad esso, può incontrare inizialmente i criteri previsti per il Disturbo Acuto da Stress. Se i sintomi persistono per più di un mese e soddisfano i criteri per un Disturbo Post-traumatico da Stress, la diagnosi da Disturbo Acuto da Stress cambia in PTSD. Sebbene circa la metà delle persone che sviluppano un PTSD inizialmente hanno ricevuto diagnosi di Disturbo Acuto da Stress, tale evoluzione può non verificarsi e il disturbo può essere considerato una risposta transitoria allo stress che diminuisce entro un mese dall’esposizione al trauma.